I.C.S Falcone e Borsellino 1D

22/3/2016

Dopo una lezione passata ad ascoltare l’importanza del progetto svolto dall’associazione AIAB (associazione italiana per agricoltura biologica);abbiamo creato un orto biologico e ricco di biodiversità. Le piante che abbiamo coltivato sono:

-il tagete                         -le fragole                       -gli spinaci

-il pomodoro                  -l’ aglio                            -l’ insalata

-i fagioli                           -il basilico                       -le carote             – i ravanelli

Ci è stato consigliato di innaffiare l’ orto con una bottiglia forata, metterlo all’ aperto quando sarebbe arrivata la bella stagione e abbiamo coltivato le piantine seguendo la tabella delle buone e cattive compagnie.

23/3/2016

L’ orto in cassetta è stato affidato alla compagna per le vacanze di Pasqua , lei si occuperà di innaffiarlo e curarlo durante i cinque giorni seguenti .

31/3/2016

L’orto è stato portato a scuola e buona parte delle piantine sono cresciute.

05/04/2016

Uno dei professori ha fatto delle foto all’orto e prossimamente le invieremo all’associazione. Registriamo il fatto che tutte le 4 piante di fragole sono morte, mentre l’aglio è cresciuto molto. Ogni giorno l’orto viene innaffiato da una persona diversa seguendo una tabella dei turni.

13/04/2016

Le piante continuano a crescere.Una in particolar modo cresce lunga e smilza: sono spinaci rampicanti.

18/05/2016

Abbiamo notato che il tagete e l’insalata sono cresciuti notevolmente.Ogni giorno l’alunno/a incaricato/a esce in giardino e bagna l’orto, con una bottiglia forata, seguendo il consiglio dell’istruttrice.

25/05/2016

Siamo usciti in giardino per verificare le condizioni dell’ orto: abbiamo notato che le piante del pomodoro e dell’ aglio sono crescute abbastanza. Anche l’insalata è cresciuta, sebbene non in maniera notevole, così come una piantina di basilico. Poichè durante il mese di Maggio la temperatura non è stata stabile e mite, ipotizziamo che alcune piantine ne abbiano risentito.

.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *